𝗙𝗶𝗴𝗵𝘁 𝗰𝗹𝘂𝗯 …𝗱𝗼𝘃𝗲 𝘀𝗼𝗻𝗼 𝗳𝗶𝗻𝗶𝘁𝗶 𝗴𝗹𝗶 𝘂𝗼𝗺𝗶𝗻𝗶 𝘃𝗲𝗿𝗶?

𝗖𝗵𝗶𝗲𝗱𝗶𝗮𝗺𝗼𝗹𝗼 𝗮𝗹𝗹𝗲 𝗹𝗼𝗯𝗯𝘆 𝗳𝗶𝗻𝗮𝗻𝘇𝗶𝗮𝗿𝗶𝗲 𝗲 𝗮𝗹𝗹𝗲 𝗺𝘂𝗹𝘁𝗶𝗻𝗮𝘇𝗶𝗼𝗻𝗮𝗹𝗶?

Ieri sera mio marito Massimo mi ha proposto di vedere il film “Fight Club” con Brad Pitt ed Edward Norton.

Sicuramente tu lo hai già visto.

Fa parte un po’ della storia del cinema ed è accreditato come uno dei migliori film in circolazione.

Una parte della storia del cinema che non si può non aver visto.

Eh già, perché forse tu non lo sai e non te ne frega neanche un cazz* , ma io in questi ultimi quasi 50 anni mi sono persa tutta la storia del cinema.

Penso che uno degli ultimi film visti sia stato “ET” con mio papà Claudio al cinema e” Ghost” da adolescente con la mia amica Monica.

Ti vedo già con la tua faccia stralunata: “Ma questa qui dove ha vissuto fino ad ora?”

Ho vissuto fino a poco tempo fa schiava dei miei figli, del mio lavoro, dei miei doveri di madre, di moglie e di figlia.

Non ho mai dedicato tempo a me stessa, figuriamoci a leggere o a veder film.

Eh sì, perché chi crede che dopo la laurea sia tutto finito e non si debba più leggere neanche un libro si sbaglia di grosso.

È proprio da lì che inizia la vera conoscenza.

Penso nell’ultimo anno di aver preso pressoché una altra laurea con tutto quello che ho letto e visto come materiale letterario e cinematografico.

Più studi e approfondisci e più sai quanto sai di non sapere.

Quello che apprendi in età adulta è molto diverso. Sei più consapevole del poco tempo che ti rimane prima della morte.

Il tempo è fortuna e bisogna recuperare il tempo perso o almeno così mi sento io in questo momento della mia vita.

Voglio recuperare tutto quel tempo perso dietro alla famiglia, ad accudire i figli e a lavorare, lavorare e lavorare per accumulare un sacco di cose di cui non hai la benché minima idea di cosa fartene .

Beh in” Fight club” il protagonista dice: “Più cose possiedi e più le cose possederanno te” o una cosa del genere.

Ed è proprio vero perchè che senso ha lavorare allo sfinimento 10 /12 ore al giorno o anche di più se sei un imprenditore come sono stata io, titolare di farmacia, per mantenere un tenore di vita che ti rende solo schiavo per permetterti la vacanza di 1 settimana all’anno, la macchina lussuosa in leasing, l’iscrizione al circolo prestigioso della tua città se poi non ti godi un cazz*?

Alle volte sei talmente stanco e disfatto che non vedi solo l’ora di buttarti sul divano per riposare.

Eh già perché noi occidentali la legge del ritmo non vogliamo mai rispettarla.

Ci vogliono giusti periodi di riposo e di svago.

Ogni giornata deve avere momenti di piacere .

Non possiamo aspettare l’agognata vacanza della settimana di ferragosto per ricaricarci.

Ma questo è quello che vogliono che noi facciamo dall’alto. Dall’alto chi?

Le lobby finanziarie, le banche che creano i soldi con un click fingendo che i soldi non ci siano per tutti, le industrie alimentari che devono guadagnare vendendoci solo cibo spazzatura che ci fa ammalare per poi regalare a Big Pharma enormi profitti sui nostri disagi e malattie.

Ma tornando a “Fight Club” devo dire che si impara molto di più da certi film cult e dalla letteratura che non da tutti gli anni di scuola obbligatoria, università, master e quant’altro.

Tutte nozioni del cazz* che nella vita non ti serviranno pressoché un cazz*.

Nel film si evidenziano due cose fondamentali:

 La prima è che la società di oggi ci vuole schiavi dei debiti con le banche e del lavoro per acquistare cose inutili di cui non sappiamo che farcene e che non ci portano ad un grammo di felicità in più.

La seconda è che non esistono più gli uomini veri: quelli che lottano non solo scambiandosi pugni e calci in faccia in un sotterraneo o per strada ma anche solo avendo il coraggio di ribellarsi ad un regime totalitario e nazi come quello che stiamo vivendo.

La società di oggi prevede solo” mezzi uomini” piuttosto propensi alla froceria, che scorrazzano sul monopattino elettrico, radical chic, che mai si opporrebbero al regime di stato e alle imposizioni assurde e anticostituzionali che ci vengono imposte.

Mezzi uomini che mai avrebbero una briciolo di coraggio di combattere per la libertà , ma che anzi sono totalmente asserviti al potere.

Paradossalmente ci sono molte più donne coraggiose che uomini.

Che schifo!!!!

Terza cosa: Gli uomini di adesso sono uomini cresciuti solo da donne.

E in questo mi ritrovo anche io.

Ho cresciuto praticamente da sola due figli di cui uno proprio maschio con risultati non eclatanti.

Ho fatto tutto il possibile ma non è stato abbastanza.

Una famiglia senza un padre, un uomo con gli attributi, che sa imporsi e dire dei NO, non può crescere bene.

Ma del resto l’obiettivo finale di chi ci governa è anche quello.

Sfasciare definitivamente le famiglie tradizionali per dare spazio ai diversamente sessuali con la possibilità addirittura di affittare uteri per far crescere figli di madri di paesi poveri. E con il plauso di tutti attenzione!!

Se sei contro il diversamente sessuale o il diversamente etnico al giorno d’oggi sei aggredito e tacciato di razzismo.

Dobbiamo non solo accettare ma favorire il meticciato e l’instaurarsi di una nuova società fatta di madri o padri single o di coppie diversamente sessuali.

Che schifo!!!

Comunque per concludere, si impara molto di più da certa cinematografia e lettura che non da tutte quelle cazz…*e che ci fanno imparare a scuola da una maggioranza di sfigati e frustrati che non hanno trovato di meglio per mettere insieme il pranzo con la cena.